Ringraziamenti ai volontari dell’affissione manifesti #IODICONO

 

 

 

Le notizie dal fronte delle affissioni sul nostro territorio sono entusiasmanti, in meno di 3 giorni dall’inizio delle operazioni di “attacchinaggio” abbiamo coperto oltre 60 comuni che erano in carico al gruppo albese.
Da Bossolasco a Montà, da Mango a Sinio abbiamo portato il nostro messaggio armati di colla, pennelli e manifesti…quasi sempre i primi in ogni comune in cui siamo passati….
Grazie a tutti quelli che hanno collaborato Maria Cristina Marcarino, Gerarda MonacoLaura Pezzato e tutto il gruppo albese che ha steso il piano d’azione, Mauro W. Campo il nostro consigliere regionale che si è preso e si sta prendendo tutte le rogne burocratiche (che poche non sono).
Grazie a Antonio Pellettieri e tutto il gruppo astigiano che ci hanno coperto le zone più vicine a loro.

Grazie a Adele Fanto’ Mauro Peteani e Giampaolo Cavagnero il Roero sappiamo essere ben presidiato.

Grazie a Lorenzo Bar, attivista che si è fatto tutta l’alta Langa praticamente da solo, e poi grazie a Fabrizio Ghirardi Paolo Leccia Clemente Falcone, Giorgio Degiorgis che hanno sfidato il clima invernale della sera pur di diffondere il nostro messaggio: hanno rischiato bronchiti e raffreddori, non dimentichiamolo!
La Costituzione si difende anche così, affiggendo un manifesto. Avanti, ancora uno sforzo,  il 4 dicembre si avvicina e faremo sentire il nostro NO!!!!


#IoDicoNo


Grazie a tutti davvero.


P.s. Mi scuso semmai ho dimenticato di citare qualcuno, ma stavolta eravamo veramente tanti, per fortuna.

 

Ivano Martinetti

1 2 3

M5S denuncia presunte magagne del secondo mandato Marello: lettera aperta ai cittadini e replica del Sindaco

Lettera aperta ai cittadini albesi
Il M5S albese ha dimostrato nei poco più di due anni di presenza
nel Consiglio Comunale di essere
una forza responsabile e con serie proposte per il territ
orio. Abbiamo portato in Consiglio Comunale
numerose proposte ed interrogazioni. Ben 13 tra mozioni e
ordini del giorno sono stati approvati dal
Consiglio Comunale, molte con piena unanimità dei Consig
lieri.
Come meetup M5S vogliamo continuare la nostra azione a live
llo locale, rivolgendo un invito
sincero a tutte le forze e i gruppi che sono interessati
allo sviluppo ed al welfare del territorio albese
ad aprire un serio e sereno confronto sulle idee per un f
uturo prospero della Cittá
.
Nei sette anni ormai dell’amministrazione Marello, bisogna
riconoscere al Sindaco alcune indubbie
positività, specie quella di avere messo a posto e tenuto in
ordine gli aspetti della finanza pubblica
locale. Ma bisogna anche dire con forza che la visione de
l futuro dimostrata dalla leadership del PD
albese ci pare molto modesta e condotta con uno stile pate
rnalistico che andava bene nella Alba tra
le due guerre. Fatte ovviamente le debite proporzioni, ci pare
di poter dire che l’Amministrazione
Marello soffra di problemi simili a quelli imputati alla Commis
sione Europea: grande attenzione ai
conti, rigore teutonico sul pareggio di bilancio, ma scarso s
lancio verso lo sviluppo e la crescita
delle forze produttive sane del territorio. Da ciò deriva c
he il pareggio di bilancio, di per se
traguardo nobile, ha comportato una crescita delle tasse lo
cali e un aumento spropositato in poche
decine di mesi del fondo di garanzia dei crediti inesigibil
i, che di fatto blocca una quantit à di danari
rilavanti chee dovrebbero essere impiegati per creare
le opportunitá e la prosperitá future. Come
meetup M5S di Alba abbiamo individuato almeno due grandi filoni su c
ui ci piacerebbe
confrontarci con tutti i gruppi che possano essere realme
nte interessati.
1. PIANO REGOLATORE
Il nuovo piano regolatore della Cittá è stato definitivame
nte approvato da pochi mesi e giá mostra i
segni di problematiche rilevanti. Non ci si può nasconder
e che gli oneri di urbanizzazione siano una
delle voci rilevanti nelle entrate di bilancio e che neg
li ultimi anni abbiano subito una contrazione
significativa, e che difficilmente la gestione attuale e que
lle future possano facilmente sostenere una
ulteriore contrazione senza pregiudicare la stabilità di
bilancio. Ma l’unica opera pubblica di rilievo
messa in opere dalla Giunta, la scuola Moretta, è
gi
á bloccata da un garbuglio legale su cui in pochi
mesi si sono più volte espressi TAR e Consiglio di Sta
to sulla validitá del bando di gara . Per il resto
sono previste opere a grande consumo di suolo, come nuove
vie faraoniche di comunicazione
(Corda Molle e Terzo Ponte), nuovi centri commerciali,
siti in zona Ospedale, San Cassiano e
Vaccheria (ma servono proprio?), svariati parcheggi mu
ltipiano (per aumentare il traffico
automobilistico in una cittá a forte vocazione turistica
che dovrebbe favorire il trasporto pubblico e
non inquinante), un complesso fieristico congressuale in
città, in una zona diversa da quello già
esistente, invece che in aree inutilizzate tra la zona
industriale e gli svincoli autostradali, opere di
dubbia visione rispetto alla storia della cittá, come la modif
ica dell’area il rilevante bene storico
dello Sferisterio Mermet, con due nuovi palazzi e ovviamen
te il canonico parcheggio sotterraneo, su
cui già sta nascendo un comitato cittadino di forte oppos
izione che sta ampliando velocemente i
propri consensi. La giunta Marello si riempie spesso l
a bocca sul futuro SMART city di Alba e sulla
modalità sostenibile da implementare, ma noi riteniamo che
il futuro vero sia in una direzione ben
diversa e contraria a quella impostata.
2. AMBIENTE
Il tema dell’ambiente è molto complesso e presenta molti
ssime sfaccettature. Il M5S è da sempre
molto attento ai temi ambientali e anche ad Alba abbiamo c
ercato di portare idee costruttive, quali
ad esempio il bando OGM sul territorio comunale e la revisi
one del vecchio regolamento di polizia
rurale, con l’inserimento del divieto di impiego del glifosa
to su suoli pubblici.
Riteniamo che vi siano molti temi rispetto alle problematic
he ambientali cui si dovrebbe porre
maggiore attenzione e di seguito riportiamo alcuni esemp
i.
In primo luogo la qualità dell’aria. Attualmente viene dato mol
ta attenzione ad un solo parametro, le
polveri sottili, mediante il monitoraggio con una sola ce
ntralina posta all’inizio di Piazza Prunotto.
Sebbene i giorni di sforamento siano scesi negli anni sia
mo ancora sora la media di più di un giorno
ogni 10 in cui le polveri sottili supera i limiti legali. Inol
tre andrebbe posta maggiore attenzione
anche su altri parametri, quali il livello di polveri ultra
sottili e di gas dannosi quali CO, CO2, O3 e
NOx.
In secondo luogo occorre porre maggiore attenzione al t
raffico autoveicolare. La Giunta sta
aumentando le aree di solo accesso pedonale nel centro s
torico, ma non ha una grande attenzione
verso i problemi della circolazione nelle varie zone citt
adine. Il fatto che il piano regolatore preveda
molti parcheggi, specie attorno al centro storico, lascia
intuire che negli anni a venire aumenterà il
numero di autoveicoli in città, con aumento del relativo
inquinamento. Per dare un dato
rappresentativo l’analisi ambientale allegata al piano
regolatore stima che attualmente esistano già
67 auto ogni 100 abitanti complessivi e prevede un ulteriore aum
ento di 1300 o più auto a breve
medio termine. Al contrario bisognerebbe incrementare il se
rvizio pubblico o privato con mezzi di
trasporto elettrici, parcheggi di scambio esterni alla c
ittà e altre misure che specie nei periodi
turistici e delle grandi fiere tenga i veicoli a motore tr
adizionali fuori della città.
Il riscaldamento degli edifici sia pubblici che privati è an
cora basato in larga parte su impianti datati
e il teleriscaldamento ha avuto una diffusione limitata dal
fatto che le tariffe sono molto più alte che
in altre realtà regionali simili e nonostante la protesta
di centinaia di famiglie sia le vecchie
amministrazioni che l’attuale hanno sempre evitato di prendere
il problema di petto.
Infine indicatori ambientali individuati dalla Giunta paiono
essere rivolti più ad un soddisfacimento
di un adempimento formale piuttosto, che allineati con para
metri realistici e fondamentali per il
benessere e lo sviluppo della città in una visione di lungo pe
riodo.
IL CONSIGLIERE M5S DI ALBA IVANO MARTINETTI
IL MEETUP M5S DI ALBA

 

La replica del Sindaco Maurizio Marello